fBB 12 ottobre 1946: l’inno di Mameli è provvisoriamente l’inno d’Italia

12 ottobre 1946: l’inno di Mameli è provvisoriamente l’inno d’Italia

Il Consiglio dei Ministri del 12 ottobre 1946 deliberò, su proposta del Ministro della Guerra Cipriano Facchinetti, l’adozione dell’inno di Mameli come inno provvisorio del Paese, sostituendo la Canzone del Piave. Da allora è e resta l’inno d’Italia.
Dal 23 novembre 2012 una legge dello Stato ne prevede l’insegnamento nelle scuole.

La copertina del libretto dell’inno di Mameli

FOTOGALLERY

Il Ministro della Guerra Cipriano FacchinettiLa tomba di Mameli al Verano a Roma

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000