fBB 13 aprile 1944. L’arresto

13 aprile 1944. L’arresto

Alle sette e mezza del mattino del 13 aprile 1944 Bruno Buozzi sentì suonare alla porta insistentemente della casa romana in cui era nascosto in via del Re (oggi Viale Trastevere). Andò ad aprire (anche questa mossa incauta rappresenta un piccolo mistero mai chiarito: è strano che egli sia andato ad aprire la porta d’ingresso senza alcuna precauzione).
Si trovò davanti un drappello della Gestapo che chiedeva dell’avvocato Rossi. Buozzi rispose che non si trattava di lui e si qualificò come Mario Alberti, mostrando una carta d’identità evidentemente falsa.
Ma i tedeschi erano stati informati che nei giorni precedenti al comune di Benevento era stato rubato un forte quantitativo di carte d’identità in bianco. E quindi, sospettosi, lo arrestarono e lo portarono in via Tasso, nella famigerata prigione del colonnello Kappler e rinchiuso nella cella n. 6, insieme ad altri detenuti, ignari della sua vera identità.
La stanzetta della prigione era di metri 3,30 per 2,30.
Ne uscirà solo per l’ultimo viaggio, il 4 giugno dello stesso anno.

Alle sette e mezza del mattino del 13 aprile 1944 Bruno Buozzi sentì suonare alla porta insistentemente della casa romana in cui era nascosto in via del Re (oggi Viale Trastevere). Andò ad aprire (anche questa mossa incauta rappresenta un piccolo mistero mai chiarito: è strano che egli sia andato ad aprire la porta d’ingresso senza alcuna precauzione). Si trovò davanti un drappello della Gestapo che chiedeva dell’avvocato Rossi. Buozzi rispose che non si trattava di lui e si qualificò come Mario Alberti, mostrando una carta d’identità evidentemente falsa. Ma i tedeschi erano stati informati che nei giorni precedenti al comune di Benevento era stato rubato un forte quantitativo di carte d’identità in bianco. E quindi, sospettosi, lo arrestarono e lo portarono in via Tasso, nella famigerata prigione del colonnello Kappler e rinchiuso nella cella n. 6, insieme ad altri detenuti, ignari della sua vera identità. La stanzetta della prigione era di metri 3,30 per 2,30. Ne uscirà solo per l’ultimo viaggio, il 4 giugno dello stesso anno.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000