fBB 50 anni dallo Statuto dei Lavoratori

50 anni dallo Statuto dei Lavoratori

Al Cnel il convegno ’’Dall’Autunno Caldo allo Statuto dei Lavoratori’’

Cnel convegno 23 ottobre Ieri, mercoledì 23 ottobre, si è tenuto al Cnel il primo appuntamento per i festeggiamenti dei cinquant’anni dallo Statuto dei Lavoratori. L’evento è stato organizzato dalle Fondazioni Bruno Buozzi, Giuseppe Di Vittorio e Giulio Pastore. Il convegno, che ha visto la presenza di esperti quali Gian Primo Cella e Tiziano Treu (giuslavoristi), Simona Colarizi e Stefano Musso (storici) e Giorgio Benvenuto, protagonista attivo di quegli anni, ha voluto approfondire i fatti che hanno scosso gli anni 1968-1969. Il 1968 è l’anno dell’unità sindacale che si aprì con le rivendicazioni contrattuali. Il 1969 è l’anno della firma del contratto dello Statuto dei Lavoratori. Gino Giugni è l’autore del testo di legge che è stato fortemente voluto dal ministro Giacomo Brodolini. Giugni inoltre nel 1983 è stato consigliere del Cnel e scrisse un documento di osservazioni e proposte per la revisione della legislazione del rapporto di lavoro. Si è scelto la sede del Cnel perché fu scenario dei più importanti incontri con le parti sociali.
Il prossimo appuntamento è a febbraio con la seconda tappa di questo viaggio che farà rivivere ancora un passato che non deve essere dimenticato.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000