fBB Cosa vuol dire essere amico di Silvano Miniati.

Cosa vuol dire essere amico di Silvano Miniati.

Il 18 giugno di ottantacinque anni fa nasceva a Scarperia, in provincia di Firenze, Silvano Miniati.
In un triste novembre di tre anni fa il suo cuore ci ha lasciati.
Una vita intensa, verace, passionale.
Una esistenza segnata sin dalla giovinezza dalla passione per la politica, dalla voglia, dal desiderio di essere dalla parte dei più deboli.
Ma questa non vuole essere una beatificazione, come tutti noi aveva le sue debolezze, i suoi lati difficili, le sue spigolature ma una cosa è certa. Se avevi bisogno di un aiuto, dalle cose più banali alle cose più complesse, lui era sempre presente.
Se tu avevi la fortuna di essergli amico, un tuo problema era un suo problema.
Un tuo sogno era un suo sogno.
E in questo era sempre al tuo fianco, perché per lui vederti sorridere, saperti sereno era il massimo a cui poteva aspirare.
Un Compagno. Un vero Compagno.
Si adatta a Silvano la descrizione che un secolo fa fece Edmondo De Amicis: “Compagno significa chi è avviato con noi, per la medesima strada, alla medesima meta, acceso della stessa speranza, esposto agli stessi pericoli, pronto a soccorrerci, sicuro di essere soccorso, commosso dalla stessa gioia che commuove noi a ogni nuova conquista compiuta, nel lungo cammino, dal grande esercito inerme e invincibile a cui apparteniamo, e con cui combattiamo senza ambizioni, senza rivalità, senza vantaggi, con l’unico compenso che vien dalla coscienza di servire la verità e la giustizia di preparare al mondo un’età migliore”.
Questo è stato ed è Silvano Miniati

Il 18 giugno di ottantacinque anni fa nasceva a Scarperia, in provincia di Firenze, Silvano Miniati. In un triste novembre di tre anni fa il suo cuore ci ha lasciati. Una vita intensa, verace, passionale. Una esistenza segnata sin dalla giovinezza dalla passione per la politica, dalla voglia, dal desiderio di essere dalla parte dei più deboli. Ma questa non vuole essere una beatificazione, come tutti noi aveva le sue debolezze, i suoi lati difficili, le sue spigolature ma una cosa è certa. Se avevi bisogno di un aiuto, dalle cose più banali alle cose più complesse, lui era sempre presente. Se tu avevi la fortuna di essergli amico, un tuo problema era un suo problema.  Un tuo sogno era un suo sogno. E in questo era sempre al tuo fianco, perché per lui vederti sorridere, saperti sereno era il massimo a cui poteva aspirare. Un Compagno. Un vero Compagno. Si adatta a Silvano la descrizione che un secolo fa fece Edmondo De Amicis: “Compagno significa chi è avviato con noi, per la medesima strada, alla medesima meta, acceso della stessa speranza, esposto agli stessi pericoli, pronto a soccorrerci, sicuro di essere soccorso, commosso dalla stessa gioia che commuove noi a ogni nuova conquista compiuta, nel lungo cammino, dal grande esercito inerme e invincibile a cui apparteniamo, e con cui combattiamo senza ambizioni, senza rivalità, senza vantaggi, con l’unico compenso che vien dalla coscienza di servire la verità e la giustizia di preparare al mondo un’età migliore”. Questo è stato ed è Silvano Miniati

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000