fBB Gli incidenti sul lavoro che non hanno fine

Gli incidenti sul lavoro che non hanno fine

In aumento le morti sul luogo di lavoro rispetto allo scorso anno

Lutto cittadino a Livorno Ormai sembra un bollettino di guerra. Quasi ogni giorno giungono notizie di operai morti sul luogo di lavoro. Secondo l’Inail sono ben 212 i decessi solo nel primo trimestre del 2018, 22 in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La Lombardia è la regione più colpita, seguita dal Veneto e dall’Emilia Romagna. Da giorni si susseguono sit-in in varie fabbriche d’Italia per protestare contro la scarsa sicurezza sui luoghi di lavoro. Gli operai vogliono leggi più severe e controlli serrati, in modo che andare al lavoro diventi un piacere e non paura di non tornare più a casa. E nel frattempo anche oltre oceano avvengono delle stragi. In Cina è esplosa una fabbrica di prodotti chimici. I morti sono per adesso 19, un numero che molto probabilmente tenderà ad aumentare.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000