fBB I padroni del vapore: Adriano Olivetti

I padroni del vapore: Adriano Olivetti

117 anni fa nasceva a Ivrea Adriano Olivetti, il fondatore della prima fabbrica italiana di macchine da scrivere

Adriano Olivetti L’11 aprile 1901 nasceva ad Ivrea Adriano Olivetti, considerato uno degli imprenditori illuminati del nostro mondo produttivo. Il padre era di origini ebree, la madre invece era valdese. Era stato proprio il padre, Camillo Olivetti, a fondare nel 1908 la "Ing. C. Olivetti & C". Dopo un viaggio negli Stati Uniti, dove apprese la condizione lavorativa nel Nuovo Continente, Adriano tornò in Italia e lavorò nella fabbrica paterna.
Prenderà le redini dell’azienda nel 1932 e nel 1938 ne diventerà presidente, apportando numerose modifiche lavorative e modernizzando la fabbrica. Durante il regime ha bisogno più di una volta di permessi speciali, a causa delle sue origine ebree, che certifichino l’appartenenza alla "razza ariana". Una volta terminata la guerra e tornato dall’esilio svizzero,mette a punto una nuova organizzazione del lavoro, basata sulla solidarietà sociale, una maggiore assistenza lavorativa e nuovi posti di lavoro. Una vera e propria novità in quegli anni in Italia. Nel 1953 apre una nuova sede della fabbrica a Pozzuoli per creare le macchine calcolatrici. Morirà improvvisamente il 27 febbraio 1960.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000