fBB Il 14 marzo 1861 il tricolore diventa la bandiera del Regno d’Italia

Il 14 marzo 1861 il tricolore diventa la bandiera del Regno d’Italia

Quest’anno ricorre il 158° anniversario

tricolore Il 14 marzo 1861 il tricolore diventa la bandiera del Regno d’Italia. I colori verde, bianco e rosso, posti a bande verticali, sono oggi conosciuti da tutti, ma come nascono? La bandiera italiana fece capolino come bandiera militare, per distinguere le truppe italiane all’interno dell’esercito di Napoleone, nelle repubbliche Cispadana e Cisalpina. La scelta dei colori è stata ripresa dalla bandiera francese (il bianco e il rosso), il verde è invece un esplicito richiamo alle livree degli Sforza, signori di Milano. Dopo la sconfitta di Napoleone il tricolore venne tolto, per ritornare nel 1848, adottato dai Savoia, nel regno di Sardegna. Solo con l’unificazione dell’Italia, il tricolore verde, bianco e rosso divenne la bandiera ufficiale del Regno d’Italia.
Il significato dei colori è ancora oggi molto dibattuto. Sembra però certo che il rosso sia stato scelto per ricordare il sangue versato dai nostri soldati durante le guerre. Il verde potrebbe invece indicare le foreste, i boschi di cui la nostra Penisola è ricca e il bianco relazionarsi alla neve che abbondava nel nord Italia.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000