fBB Il primo furto dell’ ’’Urlo’’ di Munch

Il primo furto dell’ ’’Urlo’’ di Munch

Era il 12 febbraio 1994

Munch L’ "Urlo" di Munch è il quadro più famoso del pittore norvegese, nato ad Oslo, che eseguì quattro varianti del quadro, tra cui anche una xilografia. Era il 12 febbraio 1994 quando avvenne il primo furto. Nello stesso giorno, sempre in Norvegia a Lillehammer, venivano inaugurate le Olimpiadi invernali. Due uomini si introdussero con molta facilità nella Galleria Nazionale di Oslo, dove era custodito il dipinto e lo portarono via calandosi da una scala. Riuscirono addirittura a lasciare un biglietto con scritto "Grazie per la scarsa sicurezza". Il museo venne così accusato di non avere sistemi di allarme all’avanguardia e di non avere riguardo delle opere custodite. Risultava impensabile che due ladri fossero riusciti in tutta tranquillità a rubare il prezioso dipinto, simbolo di Oslo. Fortunatamente grazie alla polizia norvegese e all’aiuto di quella britannica, il 7 maggio dello stesso anno l’"Urlo" venne ritrovato e riportato nel museo. Dopo dieci anni però ci fu un altro furto. L’ "Urlo", insieme ad un’altra opera di Munch, la "Madonna" sparirono dal museo. Solo dopo due anni vennero ritrovati e l’"Urlo" fu sottoposto ad un intervento di restauro per i danni causati dall’ umidità e dalla cattiva conservazione.
Il quadro di Munch è considerato altamente psicologico. Il pittore si autorappresenta come il protagonista del dipinto, mentre cammina sulla collina di Ekeberg, sopra Oslo. All’improvviso si sente avvolgere da una sensazione di sconforto e nonostante stesse passeggiando con due amici, l’angoscia lo attanaglia. Queste le parole, scritte nel suo diario:

"Camminavo lungo la strada con due amici
quando il sole tramontò
il cielo si tinse all’improvviso di rosso sangue
mi fermai, mi appoggiai stanco morto a un recinto
sul fiordo nerazzurro e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco
i miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura
e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura"

L’ "Urlo" non è l’unico quadro dove l’angoscia e la tristezza sono le protagoniste, tutta la produzione pittorica di Munch è così. La sua vita infatti non fu delle più rosee, a causa dei numerosi lutti che fu costretto a vedere intorno a lui. Lo stile pittorico è unico, il colore, dove predominante è il rosso, si aggroviglia in un vortice impazzito, che avvolge i personaggi, assuefatti da una vita piena di tristezza e infelicità.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000