fBB La Repubblica Romana

La Repubblica Romana

Una parentesi di cui i romani, e non solo, dovrebbero essere fieri

Una parentesi di cui i romani, e non solo, dovrebbero essere fieri All’alba del 10 febbraio 1849 appare sui muri di Roma il Decreto fondamentale della Repubblica Romana in quattro articoli:
1. Il papato è decaduto di fatto e di diritto dal governo temporale dello Stato Romano.
2. Il Pontefice Romano avrà tutte le guarentigie necessarie per l’ indipendenza nell’ esercizio della sua potestà spirituale.
3. La forma del governo dello Stato Romano sarà la democrazia pura e prenderà il glorioso nome di Repubblica Romana.
4. La Repubblica Romana avrà col resto d’ Italia le relazioni che esige la nazionalità comune.
Il decreto porta la data del 9 febbraio e la firma di Giuseppe Galletti, il presidente dell’ assemblea insediata al palazzo del Campidoglio, costituitasi con le elezioni del 21 e 22 gennaio: tra gli eletti eccellenti, Giuseppe Mazzini e Giuseppe Garibaldi.
La Costituzione che venne redatta fu in assoluto la più moderna dei suoi tempi. Tra i cambiamenti più importanti ci fu la proclamazione della libertà di culto e di opinione, l’abolizione della pena di morte, il suffragio universale maschile e l’abolizione della leva obbligatoria. Un vero esempio di modernità e laicità.
La Repubblica Romana fu una splendida fucina di idee innovative all’interno di un territorio piccolo, che durò dall’inverno all’estate, e che gli stessi stati italiani guardarono con sospetto. Tutto ciò, ironia della sorte, si realizzò in uno degli angoli più remoti dell’Europa del XIX secolo. Come se il popolo di colpo si fosse risvegliato dal torpore e dall’isolazionismo e avesse cercato di recuperare il tempo perduto.
Dall’immobilismo totale all’avanguardia repubblicana nell’arco di soli cinque mesi. Un balzo in avanti così improvviso non poteva durare molto, specialmente nella realtà italiana dell’epoca. Una parentesi di cui i romani, e non solo, dovrebbero essere fieri, e che troppo spesso viene messa in secondo piano.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000