fBB La scia nera delle morti sul lavoro

La scia nera delle morti sul lavoro

A Padova e Marina di Carrara due operai perdono la vita

Lutto cittadino a Livorno Sono passati solo pochi giorni dall’ultima notizia di un operaio morto sul luogo di lavoro ed ecco giungere alle nostre orecchie nuove tragiche notizie. Stavolta a perdere la vita sono stai due operai: a Padova e a Marina di Carrara. Il primo è morto cadendo da un’impalcatura al suo primo giorno di lavoro, il secondo è stato schiacciato da un enorme blocco di marmo che tra l’altro, era stato già scaricato e posizionato. Sono ancora sconosciute le dinamiche dell’accaduto che i carabinieri e i tecnici della Asl stanno cercando di ricostruire. Le cave di marmo a Carrara sono sicuramente le più famose e incidenti del genere accadevano di frequente anche al tempo di Michelangelo che qui, passava mesi per scegliere i marmi migliori per realizzare le sue sculture. Era però il Cinquecento, non c’erano strumentazioni adatte e gli operai caricavano pesi enormi sulle loro schiene, oppure si servivano di rudimentali macchine di legno che servivano a spostare i blocchi. Nel 2018 però incidenti del genere non dovrebbero più accadere!

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000