fBB Lutto improvviso nel mondo del ciclismo

Lutto improvviso nel mondo del ciclismo

É morto Felice Gismondi

Gismondi Una tristissima notizia ha colpito nel pomeriggio di oggi il mondo dello sport, ma più in generale il nostro Paese, è deceduto improvvisamente Felice Gimondi.
E’ stato uno dei grandi campioni del ciclismo italiano tra gli anni sessanta e settanta.
Dopo Bartali e Coppi fu colui che continuò la grande tradizione del ciclismo italiano.
Vinse tutte le grandi corse a tappe e tutte più importanti classiche.
Nel 1973 fu campione del mondo battendo allo sprint il suo grandissimo rivale e amico Edy Merckx.
Con lui se ne va non solo un campione dello sport ma anche un gentiluomo.
Un signore sulla bicicletta e nella vita.
Un piccolo ricordo personale.
Era la metà degli anni ottanta e casualmente, proprio in questo periodo di ferie,lo incontrai in un piccolo bar della Gallura.
Era solo, mi avvicinai per salutarlo e per congratularmi con lui per il suo passato da ciclista.
Con molta cordialità mi salutò offrendomi una bibita.
Temendo di essere uno dei tanti scocciatori che lo importunavano anche nei momenti di vacanza parlai con lui pochi minuti.
Mi strinse una mano e ci salutammo.
Sono passati più di trent’anni da allora ma in me il ricordo ancora indelebile. (Marco Zeppieri)

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000