fBB Milano. Alla Casa della Memoria si discute di patronati sindacali

Milano. Alla Casa della Memoria si discute di patronati sindacali

1917-2017 Le articolazioni del welfare: dalle tutele municipali ai patronati sindacali per i lavoratori.
Dalle 9.30 alle 17 se ne parla in Via Confalonieri, 14 a Milano

Emilio Caldara La disfatta di Caporetto nel corso della prima guerra mondiale evidenziò con forza il problema dei profughi e degli sfollati che dai territori di guerra, Veneto e Friuli, fuggivano in cerca di nuove sistemazioni.
La costituzione di un Alto Commissariato per i profughi fu la prima risposta del governo, alla quale seguì la costituzione Comitati provinciali, che progressivamente furono trasformati in patronati a livello locale con lo scopo di supportare e aiutare profughi e sfollati.
In quest’opera si distinse il Sindaco di Milano Caldara, che si può considerare sicuramente uno degli artefici della valorizzazione dei patronati e del loro ruolo a favore dei cittadini.
Oggi i patronati di Cgil, Cisl e Uil, insieme insieme alle strutture milanesi e lombarde delle tre organizzazioni sindacali e alle Fondazioni Buozzi, Di Vittorio, Grandi, Kulishoff e Pastore, organizzano una giornata di riflessione e studio su questo importante strumento di tutela del cittadino e del lavoratore.

ALLEGATI

Locandina del Convegno di Milano 9 novembre 2017

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000