fBB Morte di un Miliziano

Morte di un Miliziano

Sessantacinque anni fa moriva Robert Capa, il più famoso fotografo di guerra.
Il 25 maggio del 1954 al seguito dei soldati francesi morì saltando su di una mina.
La sua immagina più nota? “Morte di un miliziano” scattata a soli ventidue anni nel 1936 a Cordova durante la Guerra civile spagnola.
La foto ritrae un soldato dell’esercito repubblicano, con addosso una camicia bianca, ripreso nell’attimo in cui viene colpito a morte da un proiettile sparato dai franchisti.
Fu pubblicata alla fine del mese di settembre 1936 sulla rivista francese VU e successivamente ripresa da molte altre testate, tra cui Life nel 1937.
Erano passati meno di vent’anni dalla fine della Prima guerra mondiale e già l’incubo della morte si stava spandendo di nuovo in Europa.
Questo scatto da molti non è considerato veritiero ma anche se così fosse la forza è nel simbolismo, in ciò che Capa voleva comunicare.
L’Orrore della guerra.

Sessantacinque anni fa moriva Robert Capa, il più famoso fotografo di guerra. Il 25 maggio del 1954 al seguito dei soldati francesi morì saltando su di una mina. La sua immagina più nota? “Morte di un miliziano” scattata a soli ventidue anni nel 1936 a Cordova durante la Guerra civile spagnola. La foto ritrae un soldato dell’esercito repubblicano, con addosso una camicia bianca, ripreso nell’attimo in cui viene colpito a morte da un proiettile sparato dai franchisti.  Fu pubblicata alla fine del mese di settembre 1936 sulla rivista francese VU e successivamente ripresa da molte altre testate, tra cui Life nel 1937. Erano passati meno di vent’anni dalla fine della Prima guerra mondiale e già l’incubo della morte si stava spandendo di nuovo in Europa. Questo scatto da molti non è considerato veritiero ma anche se così fosse la forza è nel simbolismo, in ciò che Capa voleva comunicare. L’Orrore della guerra.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000