fBB Settant’anni fa la tragedia di Superga

Settant’anni fa la tragedia di Superga

Una foto nel portafoglio

Una foto nel portafoglio

Alle 17,05 il disastro: il G-222 Fiat trimotore-ELCE con a bordo 31 persone tra cui diciotto calciatori del grande Torino si schianta sulla collina di Superga.
Nessun superstite. È il 4 maggio del 1949.
Bacigalupo, Ballarin, Maroso, Grezar, Rigamonti, Castigliano, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola, Ossola. Una litania che i ragazzi nati negli anni trenta e quaranta dello scorso secolo ripetevano a memoria.
Un rosario laico formato da quattro giri di grani; il portiere, quattro difensori, tre centrocampisti, tre attaccanti che venivano ripetuti così senza pensare, quasi fosse una preghiera al dio del calcio.
La guerra era appena finita lasciando macerie, rancori, odi; la sofferenza e la fame la facevano da padrone ma negli occhi di chi era sopravvissuto si leggeva un solo pensiero “Bisogna rimboccarsi le maniche per ricominciare”.
Rimboccarsi le maniche era appunto il “grido di battaglia” di capitan Valentino Mazzola. Quando la squadra era in difficoltà dagli spalti Oreste Bolmida, di mestiere capostazione a Torino Porta Nuova, suonava la sua “trombetta” d’ordinanza e dava la carica, quasi come un trombettiere del “settimo cavalleggeri”; capitan Mazzola si arrotolava le maniche della maglia…e non ce n’era per nessuno.
Cinque scudetti consecutivi, nessuna sconfitta casalinga in cinque anni con solo otto punti concessi agli avversari. Un dominio strabordante creato anno per anno, giocatore per giocatore dal presidente Novo.
Un dominio ammirato da tutti, non solo dai tifosi del Toro, ma da tutti gli italiani che vedevano in loro, come anche in Coppi e Bartali, una via di riscatto, un modo pulito di ricominciare. I disastri della guerra dovevano essere messi alle spalle, si doveva ritrovare la credibilità persa e sepolta e chi meglio dei miti dello sport potevano far ritrovare l’orgoglio di essere Italiani.
Il grande Torino gioca e l’Italia si ricompatta attorno a loro; in una gara del 1948 contro l’Ungheria ben dieci calciatori su undici sono del Torino, solo il portiere, Sentimenti IV, è un calciatore della Juventus: la nazionale e il Torino sono la stessa cosa.
Grandi atleti ma soprattutto grandi persone.
Un piccolo aneddoto su Valerio Bagicalupo l’unico componente del Torino ad essere stato sostituito in nazionale con Sentimenti IV.
Tra gli oggetti che furono ritrovati dopo lo schianto di Superga ci fu il suo portafogli, all’interno una fotografia mezza bruciacchiata, lui e Sentimenti IV vicini in posa sorridenti prima di derby. Lui la portava sul cuore, l’amicizia e il rispetto reciproco andavano al di là di ogni umana rivalità.
Avversari ma amici ora si è avversari ma soprattutto nemici.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000