fBB Un ambasciatore a Regina Coeli

Un ambasciatore a Regina Coeli

Presentazione del libro "Un ambasciatore a Regina Coeli" di Claudio Moreno

Locandina presentazione libro Moreno È il 9 aprile del 1993 quando Claudio Moreno, ambasciatore italiano in Argentina, viene trasferito presso il carcere romano di Regina Coeli accusato dai giudici che stanno indagando sugli aiuti al terzo mondo.
Della sua terribile esperienza Moreno ne parla in questo libro Un Ambasciatore a Regina Coeli con introduzione di Rita Bernardini e prefazione di Vitaliano Esposito (Editori Riuniti, pp.200, euro 12) presentato presso la Fondazione Nenni
In questo volume l’autore dichiara in maniera palese il suo interesse personale e di ricercatore, verso questo assurdo pianeta carcerario fatto di violenza e di violenze, un racconto che si snoda come la sceneggiatura di un film, piena di colpi di scena, di fatti drammatici, di note di colore, persino di aspetti comici, di regole non scritte che accompagnano il detenuto per tutta la sua permanenza in carcere, il tutto immerso di un clima di violenza latente, di inganno e di sopraffazione.
Sei mesi durò la detenzione. 14 anni dopo l’Ambasciatore Moreno fu assolto “per non aver commesso il fatto”.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000