fBB NOTIZIE&EVENTI

Anni di riferimento: 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004 | 2003


Torino. Mercoledì 16 settembre, ore 14,30. Hotel Majestic, Corso Vittorio Emanuele II 54


"Nel centenario della nascita di Gianni Agnelli: una storia dell’imprenditoria italiana che ha accompaganto le vicende politiche e sociali d ...
Leggi

Oggi 14 settembre 2021 è il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri Il 7 gennaio 1797 a Reggio Emilia l’assemblea della Repubblica Cispadana decretò che il bianco, il rosso e il verde fossero adottati come i colori della bandiera nazionale. Una scelta che alcuni studiosi hanno voluto far riferimento appunto a Dante.  Il primo è una terzina dedicata a Beatrice (Purgatorio. XXX, 31-33): «[…] Sovra candido vel cinta d’uliva donna m’apparve, sotto verde manto vestita di color di fiamma viva». Secondo alcune interpretazioni, i colori del velo, del manto e della veste alludono alla fede, alla speranza ed alla carità: «le quali tre virtù sono solo della Teologia, e per questo sono dette teologiche».  Il secondo è in Purgatorio. XXIX, 121-126: «Tre donne in giro dalla destra rota venìan danzando: l’una tanto rossa ch’a pena fora dentro al foco nota l’altr’era come se le carni e l’ossa fossero state di smeraldo fatte la terza parea neve testé mossa;». Anche qui le tre donne sono le virtù teologali: fede, speranza e carità. Ma, per alcuni interpreti, queste tre virtù devono essere poste a fondamento della vita civile.

700° Anniversario della morte di Dante Alighieri


Il 7 gennaio 1797 a Reggio Emilia l’assemblea della Repubblica Cispadana decretò che il bianco, il rosso e il verde fossero adottati come i ...
Leggi

convegno 13 settembre

Convegno "Dialogo su l’impegno e la passione di Giovanni Bianchi"


Webinar Zoom e diretta Facebook, ore 17.00 ...
Leggi

Chiostro della Fortezza di Montepulciano

Luci sul lavoro. Immagini, musiche e parole che raccontano il Lavoro


Chiostro della Fortezza di Montepulciano 10 settembre 2021 ore 18,30 ...
Leggi

George Orwell sostiene che “In tempi di menzogna universale, dire la verità è un atto rivoluzionario”. Viviamo in un mondo dove la tecnologia, la digitalizzazione, i social possono influenzare e trascinate intere folle. “La menzogna, ben agghindata così da sembrare una ovvietà scontata - scriveva il cardinale Gianfranco Ravasi nella sua rubrica domenicale su Il Sole24 ore - si incammina per strade e piazze, entra nei palazzi dei potenti e nelle case modeste con la sua capacità diffusiva. Opporre ad essa la verità nella sua nudità, nella sua sincerità sgradita, nella sua essenzialità fondata è, alla fine, un atto che va controcorrente. E risalire in senso contrario l’onda sovrabbondante della menzogna, del luogo comune, dell’inganno è un’impresa ardua e coraggiosa”.  È quello che Pierluigi Sorti si proponeva riuscendo a realizzarla con pazienza e con competenza nel libro che stava ultimando per la nostra fondazione dal titolo “Teorema sull’euro. L’iniquità del metodo di conversione nella moneta europea”.  Pierluigi è stato un europeista convinto. Schietto. Entusiasta. Deciso. Non si è mai arreso. Ostinato e determinato. È stato tra coloro che volevano realizzare l’integrazione economica, sociale e politica dell’Europa. Valorizzare il dialogo, il confronto. Non credeva, pensava. Non era pessimista come Anton Cechov che invece amaramente ammetteva: “Si dice che la verità trionfa sempre, ma questa non è la verità”. Ora che improvvisamente ci ha lasciati, in questo scorcio di fine estate, sentiamo fortissimamente la sua mancanza. Non è retorica, né semplici frasi di circostanza; ci manca veramente. Ci manca quella sua genuina voglia di capire, di confrontarsi sempre, di cercar di rendere semplici le cose più complesse. Quella sua gentilezza d’altri tempi. La tua amicizia è un motivo di orgoglio e ciò che hai seminato sarà per noi un raccolto prezioso.  Grazie Pierluigi

Pierluigi Sorti ci ha lasciati. Un galantuomo d’altri tempi


George Orwell sostiene che “In tempi di menzogna universale, dire la verità è un atto rivoluzionario”. Viviamo in un mondo dove la tecnologi ...
Leggi

Mercoledì 8 settembre 2021, ore 17,00. Seminario sul tema

Commercio, quale rilancio per lo sviluppo economico?


Mercoledì 8 settembre 2021, ore 17,00. Seminario sul tema "Commercio, quale rilancio per lo sviluppo economico?" ...
Leggi

Martedì 7 settembre 2021, ore 17,00. Seminario sul tema

Energia e sviluppo sostenibile, un percorso virtuoso per il sistema Paese


Martedì 7 settembre 2021, ore 17,00. Seminario sul tema "Energia e sviluppo sostenibile, un percorso virtuoso per il sistema Paese". ...
Leggi

Mikis Theodorakis

In memoria di Mikis Theodorakis


All’età di 96 anni ci ha lasciati Mikis Theodorakis uno dei grandi protagonisti della vita culturale e politica greca e mondiale del Novecen ...
Leggi

Afghanistan, perché gli Usa hanno fallito di Henry Kissinger L’ex segretario di Stato Henry Kissinger: la trasformazione in un Paese moderno richiedeva tempi non conciliabili con i processi politici americani

Segnaliamo un articolo, a firma Henry Kissinger, pubblicato dal ’Corriere della sera’ lo scorso 26 agosto


Afghanistan, perché gli Usa hanno fallito di Henry Kissinger L’ex segretario di Stato Henry Kissinger: la trasformazione in un Paese m ...
Leggi

Venerdì 3 settembre ore 14.30. Convegno sul tema

La transizione come variante: pandemia, conflitti, partito nella società digitale globale


Venerdì 3 settembre ore 14.30. Convegno sul tema "La transizione come variante: pandemia, conflitti, partito nella società digitale globale" ...
Leggi

In seguito all’entrata in vigore del decreto legge 105/2021, per accedere alla biblioteca è obbligatorio essere in possesso della certificazione verde Covid-19, il cosiddetto green pass. Per la sola restituzione dei libri non è necessario avere la Certificazione verde COVID-19: si potranno lasciare all’ingresso senza entrare in biblioteca.

Nuove Norme accesso alla Biblioteca della Fondazione Bruno Buozzi


In seguito all’entrata in vigore del decreto legge 105/2021, per accedere alla biblioteca è obbligatorio essere in possesso della certificaz ...
Leggi

Intervista di Luigi Capone a Giorgio Benvenuto Il Foglio Quotidiano del 21 agosto 2021


Benvenuto vaccino “E’ necessario, non ci possono essere esitazioni”. Lo storico capo della Uil striglia i sindacati. Roma. “Alla fine ...
Leggi


Precedente

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000