fBB 15 aprile 1967 moriva Totò

15 aprile 1967 moriva Totò

Signori si nasce e io modestamente lo nacqui!

Signori si nasce e io modestamente lo nacqui! Sono passati cinquantadue anni da quando Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, per tutti Totò, ci lasciava per sempre.
Era il 15 aprile del 1967.
Da lì il mito Totò diventava ancora più grande. Un mito che resiste al tempo, alle generazioni, alle mode.
Totò è unico, inimitabile e anche indistruttibile. A lui è successo ciò che è successo a Charlie Chaplin e alla coppia Stan Laurel e Oliver Hardy, un tale amore di popolo davvero insuperabile: un mito senza tempo.
Quello di Totò è un personaggio amatissimo, che appartiene alla cultura, alla tradizione e alla storia del nostro Paese.
A proposito del nostro Paese ho ritrovato una “Bustina” di Umberto Eco pubblicata il 9 ottobre del 2007 in cui Eco parlando della richiesta di un editore cinese di poter tradurre i suoi interventi su l’Espresso scriveva:
«In questo universo globalizzato in cui pare che ormai tutti vedano gli stessi film e mangino lo stesso cibo, esistono ancora fratture abissali e incolmabili tra cultura e cultura. Come faranno mai a intendersi due popoli [cioè cinesi e italiani] di cui uno ignora Totò?».
Signori si nasce e io modestamente lo nacqui!

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000