fBB 2 agosto 1980. La strage di Bologna

2 agosto 1980. La strage di Bologna

85 morti, oltre 200 feriti. 2 agosto 1980, ore 10,25, stazione ferroviaria di Bologna Centrale.
Una bomba a tempo composta da 23 kg di esplosivo collocata in una valigia abbandonata fece crollare interamente l’ala ovest della stazione.
Tra le 85 vittime vogliamo ricordare la persona che in quel momento era in piedi vicino alla valigia con l’esplosivo.
Si chiamava Maria Fresu aveva 24 anni e abitava a Gricciano di Montespertoli, in provincia di Firenze; contadina era emigrata in Toscana poco tempo prima dalla Sardegna e lavorava in una fabbrica di confezioni a Empoli. Era in stazione con la figlioletta Angela di tre anni e due amiche, stavano andando in vacanza sul lago di Garda.
Dopo l’esplosione, nella quale Angela e Maria morirono sul colpo, per qualche tempo parve che il corpo di Maria Fresu si fosse quasi polverizzato. Ma dopo qualche mese i suoi resti furono trovati incastrati sotto un treno diretto in Svizzera.
La sua salma fu ricomposta e restituita alla famiglia, e Maria fu sepolta a Montesperoli. Secondo le ricostruzioni al momento dell’esplosione Maria era lontana dalle compagne di viaggio, forse si era alzata a prendere qualcosa, ed è per questo motivo che si trovò troppo vicina alla valigetta.
Stare più vicina alla figlia comunque non le avrebbe salvato la vita.
Morire così, senza un motivo, nel pieno dei propri anni. Un destino assurdo, infame a cui umanamente è impossibile dare un perché.

85 morti, oltre 200 feriti. 2 agosto 1980, ore 10,25, stazione ferroviaria di Bologna Centrale. Una bomba a tempo composta da 23 kg di esplosivo collocata in una valigia abbandonata fece crollare interamente l’ala ovest della stazione. Tra le 85 vittime vogliamo ricordare la persona che in quel momento era in piedi vicino alla valigia con l’esplosivo. Si chiamava Maria Fresu aveva 24 anni e abitava a Gricciano di Montespertoli, in provincia di Firenze; contadina era emigrata in Toscana poco tempo prima dalla Sardegna e lavorava in una fabbrica di confezioni a Empoli. Era in stazione con la figlioletta Angela di tre anni e due amiche, stavano andando in vacanza sul lago di Garda.  Dopo l’esplosione, nella quale Angela e Maria morirono sul colpo, per qualche tempo parve che il corpo di Maria Fresu si fosse quasi polverizzato. Ma dopo qualche mese i suoi resti furono trovati incastrati sotto un treno diretto in Svizzera. La sua salma fu ricomposta e restituita alla famiglia, e Maria fu sepolta a Montesperoli. Secondo le ricostruzioni al momento dell’esplosione Maria era lontana dalle compagne di viaggio, forse si era alzata a prendere qualcosa, ed è per questo motivo che si trovò troppo vicina alla valigetta. Stare più vicina alla figlia comunque non le avrebbe salvato la vita.  Morire così, senza un motivo, nel pieno dei propri anni. Un destino assurdo, infame a cui umanamente è impossibile dare un perché.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000