fBB La Fondazione Bruno Buozzi aderisce al Dantedì

La Fondazione Bruno Buozzi aderisce al Dantedì

Oggi 25 marzo, per la prima volta si celebra il Dantedì. Da quest’anno ogni 25 marzo - data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia - sarà celebrata il Dantedì, una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio del poeta fiorentino.

Con queste parole di Dario Franceschini ministro del MiBACT (Ministero per i beni e le attività culturali) ha presentato l’iniziativa “Questa prima edizione avviene in un momento particolarmente difficile. Le tante iniziative già previste si spostano sulla rete. Per questo rivolgo un appello agli artisti: il 25 marzo leggete Dante e postate i vostri contenuti. Dante è la lingua italiana, è l’idea stessa di Italia. Ed è proprio in questo momento che è ancor più importante ricordarlo per restare uniti” .

Per questo desideriamo ricordare un episodio accaduto pochi anni fa a Ravenna, città che custodisce le spoglie del poeta; l’Abi con il presidente Antonio Patuelli e la Cassa di Ravenna organizzarono una giornata di studio a cui intervenne come relatore un professore cinese di storia e letteratura italiana presso l’università di Pechino.
Il suo intervento pieno di entusiasmo mise soprattutto in risalto due punti fondamentali; il primo riguardante il ruolo di congiunzione di Dante tra l’antico e il moderno collocandolo come l’ultimo dei grandi poeti dell’antichità e il primo dei grandi della modernità. In secondo luogo con il volgare assurge con lui a Lingua con la L maiuscola.
Dante è un punto di riferimento anche nella Repubblica Popolare Cinese come lo è del resto nel mondo.
È quindi nostro dovere leggerlo, rileggerlo, ricordarlo.

link: testo

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000