fBB Ricordando Francesco Fatiga

Ricordando Francesco Fatiga

In questi giorni bollenti di ferragosto in punta di piedi ci ha lasciati Francesco Fatiga.
Un galantuomo ecco la parola giusta per ricordarlo, lui che da dirigente della Uil e poi della Uil di Roma e Lazio si è sempre occupato degli ultimi, di coloro che cercavano una voce per poter far presente i propri disagi.
Agli inizi degli anni 0ttanta lo ricordiamo, con orgoglio, molto attivo nei rapporti tra la Uil e Solidarnosc.
Ideò e realizzò una mostra itinerante ‘Solidarietà a Solidarnosc’ collegandola ad un libro sui manifesti del sindacato polacco nel mondo; si impegnò profondamente nel comitato per l’attribuzione del premio Nobel a Lec Walesa.
In questi ultimi anni ce lo ricordiamo come presidente dell’ASSI (Associazione Solidarietà Sindacale Internazionale), una associazione promossa dalla UIL di Roma e del Lazio, che si prefigge di diffondere la cultura della solidarietà sociale e umanitaria.
Un persona perbene che mancherà a Giorgio Benvenuto ed a tutta la Fondazione Bruno Buozzi.

In questi giorni bollenti di ferragosto in punta di piedi ci ha lasciati Francesco Fatiga. Un galantuomo ecco la parola giusta per ricordarlo, lui che da dirigente della Uil e poi della Uil di Roma e Lazio si è sempre occupato degli ultimi, di coloro che cercavano una voce per poter far presente i propri disagi. Agli inizi degli anni 0ttanta lo ricordiamo, con orgoglio, molto attivo nei rapporti tra la Uil e Solidarnosc. Ideò e realizzò una mostra itinerante ‘Solidarietà a Solidarnosc’ collegandola ad un libro sui manifesti del sindacato polacco nel mondo; si impegnò profondamente nel comitato per l’attribuzione del premio Nobel a Lec Walesa. In questi ultimi anni ce lo ricordiamo come presidente dell’ASSI (Associazione Solidarietà Sindacale Internazionale), una associazione promossa dalla UIL di Roma e del Lazio, che si prefigge di diffondere la cultura della solidarietà sociale e umanitaria. Un persona perbene che mancherà a Giorgio Benvenuto ed a tutta la Fondazione Bruno Buozzi.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000