fBB "Un garofano rosso e un ciclamino bianco per Pierre" da l’Etruria.it

"Un garofano rosso e un ciclamino bianco per Pierre" da l’Etruria.it

Sabato 2 ottobre 2021, un gruppo di amici cislini dell’Umbria e della Toscana guidati da Giorgio Benvenuto, presidente della Fondazione Bruno Buozzi, hanno portato un garofano rosso e una pianta di ciclamino bianco sulla tomba di Pierre Carniti , nato il 25 settembre 1936 a Castelleone e morto a Roma il 5 giugno 2018.

Si è trattato di una manifestazione di affetto e memoria privata da parte di amici personali di Pierre Carniti, che è sepolto in Umbria, nel Cimitero di Massa Martana.

Questo gesto di amici ex-sindacalisti, legati alla visione e all’azione sindacale di Pierre Carniti, è stato un ricordo e una memoria piena di affetto e di fratellanza per un sindacalista e un grande italiano che ha speso la sua vita in favore della causa dei lavoratori.

Molti i ricordi condivisi in questa occasione da Giorgio Benvenuto, ex-segretario generale della Uil e alla guida con Pierre e Luciano Lama della Federazione unitaria Cgil-Cisl-Uil negli anni 1972-1984.

Dopo una breve preghiera cristiana per Pierre, seguita alla deposizione dei fiori, i presenti hanno a lungo ricordato la vita sindacale e sociale di Carniti, dandosi un impegno personale, ciascuno nel proprio ambito e territorio, a tenere viva la conoscenza e la memoria di questa straordinaria personalità della Repubblica Italiana e leader sindacale delle lotte e delle conquiste dei lavoratori nel famoso biennio 1968-1969 e negli anni seguenti.

Ennio Camilli, custode volontario della cappellina in cui Pierre Carniti riposa, ha ringraziato per questo gesto di amicizia e di visita ad “un santo laico che va fatto conoscere ai tanti giovani italiani di oggi, desiderosi di futuro, di solidarietà, di uguaglianza e libertà”.

Chi scrive ha partecipato portando una pianta di ciclamino bianco, non solo come amico personale di Pierre, ma anche a nome dei giovani cortonesi cui Pierre Carniti, nel 2017, destinò i suoi preziosi e rari libri antichi sull’umanesimo cristiano italiano ed europeo del 1500 e sulla dottrina sociale cristiana dell’Ottocento e del Novecento, che oggi sono conservati in Palazzo Casali nella nostra Biblioteca Comunale e dell’Accademia Etrusca.

Oltre a Giorgio Benvenuto, ad Ennio Camilli e a chi scrive, hanno partecipato a questa mattinata di pellegrinaggio alla tomba di Pierre Carniti: Santino Bonifazi , Pierluigi Bruschi , Faliero Chiappini , Giovanni Ciani , Fausto Giulivi, Natale Mancinelli , Sabrina Morichetti , Andrea Morichetti , Aldo Porrini , Claudio Ricciarelli ,Vanio Torelli ,Marco Zeppieri .

Nel corso dell’evento c’è stata anche una lunga, cordiale telefonata tra Giorgio Benvenuto e Florisa Carniti , sorella di Pierre.

Ivo Camerini

Sabato 2 ottobre 2021, un gruppo di amici cislini dell’Umbria e della Toscana  guidati da Giorgio Benvenuto, presidente della Fondazione Bruno Buozzi, hanno portato un garofano rosso e una pianta di ciclamino bianco sulla tomba di Pierre Carniti , nato il 25 settembre 1936 a  Castelleone e morto  a Roma il 5 giugno 2018.  Si è trattato di una manifestazione di affetto e memoria privata da parte di amici personali di Pierre Carniti, che è sepolto in Umbria, nel Cimitero di Massa Martana.  Questo gesto di amici ex-sindacalisti, legati alla visione e all’azione sindacale di Pierre Carniti, è stato un ricordo e una memoria piena di affetto e di fratellanza per un sindacalista e un grande italiano che ha speso la sua vita in favore della causa dei lavoratori.  Molti i ricordi condivisi in questa occasione da Giorgio Benvenuto, ex-segretario generale della Uil e alla guida con Pierre e Luciano Lama della Federazione unitaria Cgil-Cisl-Uil negli anni 1972-1984.  Dopo una breve preghiera cristiana per Pierre, seguita alla deposizione dei fiori, i presenti hanno a lungo ricordato la vita sindacale e sociale di Carniti, dandosi un impegno personale, ciascuno nel proprio ambito e territorio, a tenere viva la conoscenza e la memoria di questa straordinaria personalità della Repubblica Italiana e leader sindacale delle lotte e delle conquiste  dei lavoratori nel famoso biennio 1968-1969 e negli anni seguenti.  Ennio Camilli, custode volontario della cappellina in cui Pierre Carniti riposa, ha ringraziato  per questo gesto di amicizia e di visita ad “un santo laico che va fatto conoscere ai tanti giovani italiani di oggi, desiderosi di futuro, di solidarietà, di uguaglianza e libertà”.  Chi scrive ha partecipato portando una pianta di ciclamino bianco, non solo come amico personale di Pierre, ma anche a nome dei giovani cortonesi cui Pierre Carniti, nel 2017, destinò i suoi preziosi e rari libri antichi sull’umanesimo cristiano italiano ed europeo del 1500 e sulla dottrina sociale cristiana dell’Ottocento e del Novecento, che oggi sono conservati in Palazzo Casali nella nostra Biblioteca Comunale e dell’Accademia Etrusca.  Oltre a Giorgio Benvenuto, ad Ennio Camilli  e  a chi scrive, hanno partecipato a questa mattinata di pellegrinaggio alla tomba di Pierre Carniti: Santino Bonifazi , Pierluigi Bruschi , Faliero Chiappini , Giovanni Ciani , Fausto Giulivi, Natale Mancinelli , Sabrina Morichetti , Andrea Morichetti , Aldo Porrini , Claudio Ricciarelli ,Vanio Torelli ,Marco Zeppieri .  Nel corso dell’evento c’è stata anche una lunga, cordiale telefonata tra Giorgio Benvenuto e Florisa Carniti , sorella di Pierre.  Nella foto collage di corredo, alcune immagini della mattinata al Cimitero di Massa Martana.  Ivo Camerini

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000