fBB TERRORISMO, CNEL: COSTITUITO COMITATO PER REALIZZARE RICERCA STORICA SU ‘ANNI DI PIOMBO’

TERRORISMO, CNEL: COSTITUITO COMITATO PER REALIZZARE RICERCA STORICA SU ‘ANNI DI PIOMBO’

Il CNEL e le Fondazioni “Bruno Buozzi”, “Ezio Tarantelli”, “Giulio Pastore”, “Giuseppe Di Vittorio” e “Giuseppe Taliercio”, in collaborazione con Rai per il Sociale, comunicano di aver costituito un Comitato promotore per realizzare una ricerca storica sul ruolo delle parti sindacali e datoriali nella lotta al terrorismo durante gli ‘Anni di piombo’.

L’obiettivo dell’iniziativa è mettere in risalto il ruolo svolto da sindacati e datori di lavoro in Italia tra la fine degli Anni Sessanta e l’inizio degli Anni Ottanta, schierandosi apertamente attraverso una grande capacità di mobilitazione popolare, e pagando un alto prezzo di sangue, contro il tentativo del terrorismo di spingere verso una involuzione autoritaria.

L’indagine coinvolgerà, in una prima fase, gli archivi storici nazionali delle organizzazioni sindacali e datoriali e delle grandi fondazioni e sarà poi estesa ad altri archivi, nazionali e locali, di enti e istituzioni pubbliche e private.

“Comprendere il funzionamento degli anticorpi democratici nella società anche in quegli anni contraddistinti da grandi tensioni e sconvolgimenti sociali, produrre una maggiore conoscenza di quel periodo e ricostruire gli strumenti e le risposte messe in atto per neutralizzare le spinte eversive, riteniamo possa essere un lavoro utile anche per la situazione attuale del nostro Paese”, dichiara il presidente del CNEL e del comitato promotore Tiziano Treu.

“La grande capacità del sindacato e delle parti datoriali fu quella di saper uscire dalla contrapposizione politica attraverso una difesa non solo di sè ma per il bene di tutto il Paese, fornendo una valida alternativa democratica che unì tutte le componenti della società. L’obiettivo sarà quello di costruire, con la memoria, un ponte tra le generazioni”, aggiunge Luca Tarantelli, coordinatore del comitato.

Il CNEL e le Fondazioni “Bruno Buozzi”, “Ezio Tarantelli”, “Giulio Pastore”, “Giuseppe Di Vittorio” e “Giuseppe Taliercio”, in collaborazione con Rai per il Sociale, comunicano di aver costituito un Comitato promotore per realizzare una ricerca storica sul ruolo delle parti sindacali e datoriali nella lotta al terrorismo durante gli ‘Anni di piombo’.  L’obiettivo dell’iniziativa è mettere in risalto il ruolo svolto da sindacati e datori di lavoro in Italia tra la fine degli Anni Sessanta e l’inizio degli Anni Ottanta, schierandosi apertamente attraverso una grande capacità di mobilitazione popolare, e pagando un alto prezzo di sangue, contro il tentativo del terrorismo di spingere verso una involuzione autoritaria.   L’indagine coinvolgerà, in una prima fase, gli archivi storici nazionali delle organizzazioni sindacali e datoriali e delle grandi fondazioni e sarà poi estesa ad altri archivi, nazionali e locali, di enti e istituzioni pubbliche e private.  “Comprendere il funzionamento degli anticorpi democratici nella società anche in quegli anni contraddistinti da grandi tensioni e sconvolgimenti sociali, produrre una maggiore conoscenza di quel periodo e ricostruire gli strumenti e le risposte messe in atto per neutralizzare le spinte eversive, riteniamo possa essere un lavoro utile anche per la situazione attuale del nostro Paese”, dichiara il presidente del CNEL e del comitato promotore Tiziano Treu.  “La grande capacità del sindacato e delle parti datoriali fu quella di saper uscire dalla contrapposizione politica attraverso una difesa non solo di sè ma per il bene di tutto il Paese, fornendo una valida alternativa democratica che unì tutte le componenti della società. L’obiettivo sarà quello di costruire, con la memoria, un ponte tra le generazioni”, aggiunge Luca Tarantelli, coordinatore del comitato.

Fondazione Bruno Buozzi

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Bruno Buozzi con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul sindacalismo promuovendone apposite iniziative.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 97290040589
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000